Cellule staminali

Che cosa sono le cellule staminali?

Cellule Staminali: quante volte abbiamo sentito parlare di queste due paroline magiche. Ma cosa sono realmente e qual è la loro forza?

Una risposta è certa. Le cellule staminali rappresentano una risorsa unica e permettono alla ricerca scientifica di fare, giorno dopo giorno, passi da gigante.

Esse sono:

  • Cellule
  • Immature
  • Non specializzate

E tramite un processo di autorinnovamento e differenziamento cellulare, possono trasformarsi o dare origine ad altre:

  • Cellule
  • Mature
  • Specializzate

Possono cioè assumere le sembianze di ogni tessuto e di ogni cellula che compone il nostro organismo. Grazie a tali qualità, le cellule staminali agiscono con efficacia nel trattamento di gravi malattie ematologiche, immunologiche, genetiche, metaboliche e oncologiche.

Come classifichiamo le cellule staminali?

Facciamo una prima distinzione.
A seconda della loro complessità e potenzialità di differenziazione le cellule staminali possono essere:

  • Totipotenti: cioè in grado di trasformarsi e produrre qualsiasi cellula matura di qualsiasi tessuto. Lo zigote ad esempio, l’uovo fecondato al concepimento, dà vita ad un intero organismo vivente.
  • Pluripotenti: originano molteplici tipi di cellule mature e di tessuti ma sono limitate rispetto alle totipotenti.
  • Multipotenti: originano diverse cellule mature ma di uno specifico tessuto. Dette anche “cellule progenitrici”.
  • Unipotenti: danno luogo ad un unico e specifico tipo di cellula matura. Sono le meno versatili e sono dette anche «cellule precursori».

Facciamo una seconda distinzione.
A seconda della loro sede di prelievo, le cellule staminali possono essere.

  • Embrionali: si trovano nell’embrione. Sono cellule pluripotenti ma ad uno stadio ancora molto immaturo dello sviluppo.
  • Fetali: presenti nel feto e ricavate da aborti naturali. Sono estraibili a partire dall’ottava settimana di gravidanza, ma ancora parzialmente specializzate.
  • Adulte: Le troviamo in differenti tessuti e organi del corpo umano, in particolare nel midollo osseo, nel cervello e nell’intestino. Multipotenti ma anche unipotenti. Le più importanti famiglie di staminali adulte sono le emopoietiche e le mesenchimali. Provvedono alla sostituzione costante dei tessuti, al loro mantenimento e alla loro riparazione in seguito ad un danno.
  • Da Sangue cordonale e placentaresi trovano nel sangue del cordone ombelicale e vengono prelevate dopo il parto. Sono staminali adulte, multipotenti, emopoietiche e mesenchimali.

 

Cellule staminali emopoietica:
una speranza reale

Parlando di donazione e conservazione del sangue da cordone ombelicale ci interessa discutere di cellule staminali emopoietiche. La loro fonte principale è notoriamente il midollo osseo, ma da oltre vent’anni si è scoperto che anche il sangue del cordone ombelicale è un’importante sede di prelievo.

Le emopoietiche danno origine a tutte le cellule del sangue: i globuli rossi (trasportatori di ossigeno nel corpo), le piastrine (addette alla coagulazione del sangue) e i globuli bianchi (elementi del sistema immunitario contro i corpi estranei). La capacità proliferativa e differenziativa delle emopoietiche è davvero straordinaria.

Con la raccolta del sangue del cordone ombelicale al momento del parto, si contribuisce quindi al trattamento di molteplici patologie, curate in precedenza solo con le staminali da midollo osseo. Il trapianto di cellule staminali emopoietiche rappresenta una reale speranza di guarigione.

 

Cellule staminali mesenchimali:
futuro delle medicina rigenerativa

Il cordone ombelicale è ricco di sorprese. Il tessuto che lo riveste, detto Gelatina di Wharton, è anche un’importante fonte di cellule staminali mesenchimali. A differenza delle emopoietiche che si trasformano in cellule del sangue, le mesenchimali possono convertirsi in neuroni, tessuto cardiaco, osseo, cartilagineo, muscolare e altro ancora.

Le cellule mesenchimali, combinate con emopoietiche, sono oggi utilizzate per trattare le malattie da Rigetto. Ma il loro ruolo potrebbe essere grandioso nel futuro della medicina rigenerativa. La loro capacità di trasformarsi in diversi organi e tessuti potrebbe riparare cellule danneggiate da traumi, patologie o incidenti che a oggi non vedono nessuna soluzione.

Se anche tu stai diventando mamma o papà, è il tuo momento per aiutare la ricerca e salvare la vita di chi ne ha bisogno.
Scopri quali sono le tre formule di donazione o conservazione del sangue del cordone ombelicale e individua la più adatta a te.